Irpinia Falanghina DOC “Via del Campo” 2018 – Quintodecimo

Annata: 2018

Denominazione: Irpiania DOC

Vitigni: Falanghina 100%

Alcol:  Formato: 0.75l

Temperatura di servizio: °C

Bernardi Rate: 95/100

Tipologia: Bianco Campania

Peculiarità: E’ un vino longevo che può invecchiare bene anche per alcuni decenni grazie alla sua ricchezza in precursori d’aroma ed alla sua freschezza ed integrità di gusto. Il nome dato al vino prende origine dall’Exultet di Mirabella Eclano in cui viene riportato anche un omaggio alle api. Gli Exultet sono rotoli liturgici del medioevo meridionale. Essi sono una sorta di prodotto multimediale ante litteram formato da fogli di pergamena cuciti insieme sui quali è trascritto il testo della benedictio cerei, corredato da notazioni musicali ed illustrato da miniature che corrono nel senso inverso alla scrittura.

38.00

Esaurito

NOTA DI DEGUSTAZIONE

VIA DEL CAMPO esprime perfettamente tutto il carattere fruttato e minerale della Falanghina. È un cru ottenuto esclusivamente con le uve provenienti da una sola vigna di Falanghina che si trova a Mirabella Eclano. Presenta luminose tonalità giallo oro e profumi che spaziano da note di mela, ananas, erbe aromatiche e fiori di campo a raffinati toni salmastri e minerali. La struttura, avvolgente, rilascia delicate sensazioni mentolate e tostate derivanti anche dalla breve permanenza, durante la fermentazione, in piccole botti di rovere. Di immediato piacere da giovane, evolve in un bouquet ancora più complesso dopo qualche anno di bottiglia.

ABBINAMENTO

Perfetto per accompagnare tutto pasto, si abbina a ricchi antipasti a base di pesce, a primi a base di pasta, a vellutate fredde, a ricche insalate.

CANTINA

Siamo in Campania, la regione di Napoli e del suo golfo, del Vesuvio, di Pompei, delle splendide isole, Capri ed Ischia, e delle bellissime costiere. La tenuta Quintodecimo si trova in un’area interna montuosa: l’Irpinia. Un bellissimo territorio in cui clima, suolo e vitigni convivono in un equilibrio straordinario che è andato rafforzandosi nei secoli, al punto tale da creare condizioni naturali ideali per la realizzazione di vini di grande qualità. Il clima, per via della dorsale appenninica, è caratterizzato da piogge abbondanti (piovosità media annua 600-800 mm), forti escursioni termiche, inverni rigidi e nevosi ed estati miti, con temperature medie mai eccessive. Il paesaggio irpino è molto originale, per un ambiente del sud d’Italia. Il visitatore, infatti, non troverà piane assolate, colline bruciate dal sole, caldo afoso, bensì tanto verde, con laghi, boschi e montagne ricoperte, spesso fino alla cima, di castagni, faggi e querce secolari. Quintodecimo è a Mirabella Eclano, nel cuore dell’areale della DOCG Taurasi, a circa 80 km a Nord-Est di Napoli, sul crinale di una piccola collina esposta a nord/ovest e con una pendenza del 25%, a 460 metri di altitudine al 41° 02’ 80’’ latitudine nord e al 14° 59’ 41’’ di longitudine Est. La cantina di Quintodecimo è “dentro” la vigna. È questo un aspetto molto importante. In tal caso il tempo di latenza tra raccolta ed ammostatura è quasi nullo, l’uva viene ammostata al massimo della freschezza e senza alcuna possibilità di alterazione. Inoltre questa condizione risponde ad un altro fondamentale requisito alla base della produzione del vino: vigneto e vino devono rappresentare una entità unitaria in modo tale da trasmettere l’idea di eternità, di infinito. In effetti è la cantina che ho sempre sognato. Semplice, piccola, essenziale, senza alcuna tecnologia particolare, fatta per soddisfare principalmente il mio proprio bisogno intimo più che stupire. Per me la cantina è un luogo di pace, di nobiltà, di silenzio, di meditazione, di raccoglimento. E’ un luogo semplice, ma razionale, che incoraggia l’uomo alla pazienza. Andare in cantina significa passare dalla luce all’oscurità. Per questo la cantina deve essere immersa nella terra. E’ un luogo oscuro per eccellenza. Essa è sotto terra e sotto la casa. È un luogo così che ho sempre sognato per il mio vino ed così che è stato realizzato a Quintodecimo. Il vino dalla vinificazione al confezionamento è sotto la casa di trenta scalini. E sapere che bisogna scendere questi gradini per raggiungerlo, contemplarlo, toccarlo, degustarlo è davvero un piacere unico che mi riempie di gioia. Il numero cinque si ripete spesso nel magico mondo del vino. Il fiore della vite ha 5 sepali, 5 petali, 5 stami, 5 nettari. La foglia è pentalobata, cioè costituita da cinque parti ed ha cinque nervature principali. Sono 5 gli elementi fondamentali che interagiscono con la vite: suolo, clima, viticoltura, enologia, uomo. Ancora sono 5 i punti critici della produzione dell’uva (potatura, allegagione, sfogliatura, maturazione, raccolta) ed altrettanti quelli della trasformazione dell’uva in vino (raccolta, ammostatura, fermentazione, elevage, invecchiamento). Sono 5 i sensi che l’uomo utilizza per percepire il vino: vista, tatto, udito, olfatto gusto. Ancora 5 è il numero che è in Quintodecimo. Questa continua ripetizione del numero cinque ci ha condotto alle cinque lune utilizzate per realizzare il logo di Quintodecimo.

Peso 1.5 kg
Regione

Campania

Vitigno

Falanghina

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Irpinia Falanghina DOC “Via del Campo” 2018 – Quintodecimo”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *