8%

Rosso di Montalcino DOCG 2014 FASCIA ROSSA- Biondi Santi

Annata: 2014

Denominazione: Rosso di Montalcino DOCG

Vitigni: Sangiovese grosso 100%

Alcol: 13.5% Formato: 0.75l

Temperatura di servizio: 16/18 °C. Affinchè il vino possa esprimersi al meglio, la bottiglia va aperta almeno 8 ore prima di essere bevuta.

Bernardi Rate: 100/100

Tipologia: Rosso Toscana

Peculiarità: Nella celebre tenuta ‘il Greppo’ non si produce solo Brunello: in quelle annate più sfortunate, nelle quali il Sangiovese non riesce a raggiungere l’eccellenza tale che gli permetterebbe di dar vita al Brunello DOCG, con le stesse uve si produce il Fascia Rossa, tra i Rossi di Montalcino DOC più interessanti del territorio. 12 mesi in rovere di Slavonia, la provenienza dalla parcella più importante, oltre che storica, e la mano felice e magistrale di un’azienda che è istituzione a Montalcino, fanno di questo vino un assoluto fuoriclasse che ricalca in modo magistrale le orme del fratello maggiore. Colore rosso rubino luminoso con lievi riflessi granato, al naso presenta refoli speziati di pepe nero e coriandolo, note dolci ma piccanti di cannella e un fine bouquet di fiori secchi, confettura di more e liquirizia, con sottofondo di incenso. L’assaggio è raffinato e caratterizzato da una trama tannica che è velluto puro, grande morbidezza e numerosi ritorni balsamici, verso un lunghissimo finale speziato. Perfetto in abbinamento con i piatti tipici della tradizione toscana, è meraviglioso con tagliata di manzo ai quattro pepi.

98.00

3 disponibili

Add to wishlist

CANTINA

Biondi Santi, la storica cantina, arrivò a sedersi sul trono della collina di Montalcino. Fino al 1825 il vino più famoso e apprezzato in quel fazzoletto di terra toscana era il Moscadello, un bianco leggermente dolce e di facile beva. Fu proprio in questi anni che sulla scena arrivò Clemente Santi, il quale iniziò ad incuriosirsi e studiare le caratteristiche di un clone del vitigno Sangiovese, il Sangiovese Grosso, chiamato Brunello dai cittadini locali per il colore intenso e scuro del suo manto. La storia riprese nel 1860 quando Ferruccio Biondi-Santi, nipote di Clemente e figlio legittimo di Jacopo Biondi e di Caterina Santi, iniziò a produrre un rosso a base di questa uva che dimostrò subito di avere tutte le carte in regola per poter diventare qualcosa di straordinario. Proprio in quegli anni la catastrofe portata dall’insetto della fillossera colpiva le viti e saccheggiava i raccolti come una vera e propria epidemia, mangiando tutto quello che trovava sul suo cammino. Così gli agricoltori, spaventati e impauriti dai danni dell’insetto, cercarono di ottenere un rapido riscontro finanziario delle nuove viti, vendendo i vini rossi sul mercato nel modo più veloce possibile. Ferruccio non era della stessa opinione e remò in controtendenza. Pensava che il vino era l’amico più fedele del tempo e che soltanto con il passare degli anni esso poteva diventare grande. Così vinificò in purezza il Sangiovese Grosso che coltivava nella sua tenuta il Greppo e lo aspettò a lungo in cantina fino al raggiungimento del suo perfetto grado di maturazione. Qualche anno dopo lo assaggiò e sbalordì ogni cittadino. Quel giorno rimase nella storia perché nacque il primo e storico Brunello, le cui radici rimangono per sempre legate alla famiglia Biondi Santi. Da quel giorno il prestigio e la fama di questo marchio cominciò ad aumentare di valore, grazie a interventi mirati, modernizzazione delle tecniche e a selezione dei migliori ceppi di Sangiovese.

Peso 1 kg
Regione

Toscana

Vitigno

Sangiovese Grosso

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Rosso di Montalcino DOCG 2014 FASCIA ROSSA- Biondi Santi”