Grappa di Barbaresco Riserva “Donna Selvatica che Scavalica le Colline del Barbaresco” – Romano Levi (con astuccio)

Vitigni: Vinacce di Nebbiolo da Barbaresco

Alcol: 42% Formato: 0.70l

Bernardi Rate: 9/10

Tipologia: Grappa Piemonte

Peculiarità: Nasce da vinacce di Nebbiolo destinate alla produzione di Barbaresco, che possono quindi vantare un’origine più che nobile. Grappa di Barbaresco Riserva firmata da Romano Levi che nasce dalle vinacce di Nebbiolo provenienti dalle aree di Neive, Barbaresco, Trezzo, Treiso e Alba. Le vinacce, ancora grondanti di mosto, vengono immediatamente compresse in fosse sotterranee al fine di ottenere una concia naturale, capace di estrarre i profumi più intensi dall’uva. Il processo di distillazione si avvale di un alambicco discontinuo in rame, che opera a fuoco diretto. Al termine della lavorazione, una volta ottenuta la Grappa, questa viene trasferita per 36 mesi a maturare in botti di legno di rovere dalla capacità di 700 litri.

76.00

1 disponibili

Add to wishlist

NOTA DI DEGUSTAZIONE

Colore ambrato leggero, dotato di una bella trasparenza. Il bouquet di note che fascia il naso si muove su una trama in cui frutta e rimandi più legnosi e terziari interagiscono con grande armonia. Al palato è di buon corpo, fasciante, con un sorso ricco e stratificato, di ottimo gusto.

DISTILLERIA

Romano Levi, il “Grappaiolo Angelico” come lo soprannominò Luigi Veronelli sul settimanale Epoca, è stato un artigiano, un distillatore, un artista, un poeta, ma soprattutto, come lui amava definirsi, un “ignaro”. Orfano dall’età di 17 anni, ereditò la distilleria a Neive lasciata dal padre Serafino e conservò per tutta la vita lo stesso e unico alambicco discontinuo in rame a fuoco diretto con il quale lavorò ininterrottamente per 63 anni. Celebri le sue etichette, disegnate personalmente a mano e  spesso comprensive di dediche poetiche ormai andate ben oltre i confini del mondo della distillazione. Le sue bottiglie raccolsero gli elogi anche di molti personaggi famosi, come l’ex cancelliere tedesco Helmut Kohl, Marcello Mastrioianni e Cesare Romiti, solo per citarne alcuni.

Romano Levi ha usato per tutta la vita il suo alambicco “Malba Giovanni”, un Tamburlano a fuoco diretto, uno degli apparecchi più difficili da utilizzare nel campo della distillazione e che può produrre grappa in quantità minime rispetto ai normali alambicchi industriali. Il risultato di questo tipo di lavorazione sono delle grappe rudi, ardenti, “selvatiche” come piaceva definirle il Maestro, qualcosa che solo chi le ha provate può cercare, se può, di descriverle. Da non dimenticare l’inestimabile aiuto e lavoro della sorella Lidia, donna guardinga, silenziosa, dallo stile mariano, che ha preparato per tutta una vita le bottiglie con le erbe da lei personalmente raccolte e che hanno reso celebre l’umile distillatore ignaro.

Oggi la casa-distilleria di Romano Levi è divenuta un museo, visitato da estimatori provenienti da tutto il mondo, un museo però vivo e che continua a distillare secondo la tradizione del Grappaiolo Angelico, con l’aiuto di quella banda di amici “rimasta indietro” rispetto al mondo e che custodisce ancora gelosamente le ultime grappe distillate dal grande Amico, tutt’ora lasciate ad invecchiare in botte ed in attesa di poter parlare del loro autore. Romano Levi era una persona semplice, che, paradossalmente, non conosceva la teoria della distillazione ma era capace di coglierne, forse più di chiunque altro, l’anima. Grappe di un equilibrio, aromaticità ed emozioni semplicemente straordinarie.

Peso 1 kg
Vitigno

Barbaresco, Nebbiolo

Regione

Piemonte

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Grappa di Barbaresco Riserva “Donna Selvatica che Scavalica le Colline del Barbaresco” – Romano Levi (con astuccio)”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *