Grappa di Pinot Nero – Segnana (con astuccio)

Vitigni: Vinacce fresche Pinot Nero del Trentino, ottenute dalla produzione delle cuvée rosate dello spumante Ferrari

Alcol: 42% Formato: 0.70l

Bernardi Rate: 9/10

Tipologia: Grappa Segnana

Peculiarità: La Grappa di Pinot Nero Segnana è un distillato da vinacce di uve monovarietali, provenienti dalle fermentazioni del Pinot Nero utilizzato per realizzare le cuvée dello spumante Metodo Classico Trento Doc Rosé della famosa cantina Ferrari. Le vinacce delle uve a bacca rossa del celebre vitigno di Borgogna regalano alla grappa eleganti e intensi aromi di piccoli frutti di bosco e raffinate sfumature speziate. Il distillato affina solo in acciaio, proprio per mantenere inalterata ed esaltare la purezza espressiva degli aromi del Pinot Nero.

La Grappa monovarietale Pinot Nero della distilleria trentina Segnana, ha un forte legame con il territorio di produzione. La nobile uva francese è presente in regione fin dall’800 e viene coltivata con ottimi risultati sia per creare le basi spumanti, sia per realizzare vini rossi fermi. È proprio partendo da una materia prima di altissima qualità che nasce quest’etichetta. Le vinacce del Pinot Nero, infatti, hanno profumi e aromi di grande finezza e delicatezza e sono perfette per creare distillati d’eccellenza dal profilo raffinato. La distillazione avviene sotto l’attenta e competente supervisione dei mastri distillatori di Segnana, utilizzando un impianto discontinuo a bagnomaria, con il sistema di ridistillazione delle flemme, che permette di estrarre solo la parte più pura delle vinacce, conservando intatta l’integrità dei profumi e degli aromi primari dell’uva. Per portare il grado alcolico finale a 42% vol. viene utilizzata l’acqua Surgiva, che proviene dalle cristalline e pure fonti di montagna del Parco Naturale Adamello-Brenta.

24.00

3 disponibili

Add to wishlist

NOTA DI DEGUSTAZIONE

È ottenuta prevalentemente da vinacce di Pinot Nero trentino, in parte derivanti dalla produzione di Trentodoc rosé delle Cantine Ferrari. Il brevissimo periodo che intercorre fra l’ottenimento delle vinacce, sia dolci che fermentate, e la distillazione consente di conferire alla grappa i tipici sentori del Pinot Nero.

DISTILLERIA

Era il 1860 quando Paolo Segnana, di Borgo Valsugana, realizzò una delle poche distillerie mobili della storia. Su un carro trainato da cavalli istallò degli alambicchi e così cominciò e a girare la valle, di maso in maso, lavorando le vinacce appena spremute. La grappa doveva essere distillata entro 24 ore dalla pressatura dell’uva, come da legge Austro-Ungarica. Nel 1982 la Segnana fu rilevata dalla famiglia Lunelli, produttrice delle bollicine Ferrari; già tra le più importanti conferitori di vinacce.

La grappa Segnana nasce in parte da vinacce ottenute da pressatura soffice delle uve da cui si ricava il Ferrari ed il breve percorso che separa la pressatura e dell’uva dagli alambicchi permette alle vinacce di non perdere la loro fraganza, la pienezza dei profumi, l’intenstà dei sapori.

Il sistema di distillazione è, nel rispetto della tradizione trentina, rigorosamente discontinuo a bagnomaria di vapore, ma arricchito da innovativi accorgimenti tecnici frutto della lunga attività di ricerca condotta dal maestro distillatore di Segnana in collaborazione con la Fondazione Edmund Mach di San Michele all’Adige.

Il metodo di conservazione delle vinacce è effettuato mediante vasche interrate con guanizione idraulica, un sistema di ridistillazione delle flemme, adottabile in annate particolari, permette di sublimare solo la parte più pura della vinaccia. Una volta distillata la grappa riposa e si affina per alcuni mesi in vasche d’acciaio.

Peso 1 kg
Vitigno

Pinot Nero

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Grappa di Pinot Nero – Segnana (con astuccio)”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *