15%

Collio Malvasia “Italo & Bruno” 2019 – Borgo del Tiglio

Annata: 2019

Denominazione: Collio DOC

Vitigni: Malvasia Istriana 100%

Alcol: 14% Formato: 0.75l

Temperatura di servizio: 8/10°C

Bernardi Rate: 90/100

Tipologia: Bianco Friuli / Bianco Friulano/ Bianco Collio

Peculiarità: La Malvasia è stata introdotta in Friuli dai veneziani che centinaia di anni fa portarono l’antica varietà dalla Grecia. La vite è estremamente adattabile e produce belle uve rigogliose che sono piacevoli da mangiare e fanno un vino eccezionale. Nicola è stato attratto da questo vitigno per le sue qualità morbide e aperte con sapore potente e aromi intensi.  Il sito del vigneto da cui vengono scelte le uve era originariamente di proprietà di 2 fratelli, Italo e Bruno che sono i nomi presenti sull’etichetta verde dell’imbottigliamento del Collio Malvasia. Viene prodotto solo nelle migliori vendemmie dei vigneti più vecchi. Questo vino è eccitante e succulento con una complessità morbida e una ricca nocciola al palato. Una straordinaria gamma di fiori e drupacee racchiusi in toni più alti di guava tropicale e ananas appena tagliato. L’Italo & Bruno è un vino sublime che si presta ad un’ampia gamma di piatti salati, cremosi, ma anche di giubilo e contemplazione.

Il prezzo originale era: €65.00.Il prezzo attuale è: €55.00.

2 disponibili

Add to wishlist

NOTA DI DEGUSTAZIONE

Colore  il giallo paglierino. Al naso si evidenziano profumi ben definiti, dove aromi floreali e fruttati vengono impreziositi da tocchi lievemente legnosi. All’assaggio è di corpo medio, equilibrato, con un sorso morbido e complesso, dotato di piacevole freschezza; termina con un finale persistente. Un’etichetta speciale per Nicola Manferrari, che confessa di avere un amore particolare per questa Malvasia, e che consiglia di abbinarla a quei piatti di pesce poco lavorati, dove si avverte distintamente il sapore del mare.

CANTINA

Borgo del Tiglio è una piccola cantina situata a Brazzano, in provincia di Goriza. Nasce grazie a Nicola Manferrari, che a 23 anni, dopo essersi laureato, inizia a lavorare presso la farmacia della mamma. Una vita troppo in “gabbia” per Nicola, che in seguito alla morte del papà venne chiamato a occuparsi di 5 ettari vitati di proprietà della famiglia. Presto Nicola si rese conto che vendemmiare, osservando lo sviluppo e la maturazione di ogni acino, gli dava molta più gioia che stare dietro al bancone della farmacia. Da quel momento fu libero di immergersi in questa nuova avventura, che lo vedeva però muoversi, non essendo né agronomo né enologo, senza veri e propri concetti cardine cui aggrapparsi durate la produzione. Decise così di imparare il francese, e dopo aver studiato il testo “Phisiologie de la Vigne” di Champagnol iniziò a sistemare i fotogrammi derivanti dalla sua esperienza in un preciso ordine, cominciando ad avere una visione chiara del lavoro in vigna e in cantina. Nicola iniziò un percorso fatto di sperimenti e innovazioni, che lo portarono a raggiungere nuovi traguardi e ad abbattere luoghi comuni fra i vignaioli locali, grazie a un approccio insolito che ne fa una delle figure più interessanti nel panorama vitivinicolo friulano.

I vigneti di Borgo del Tiglio si trovano tutti nella zona del Collio, su terreni composti da marne e arenarie che distano poco più di 20 chilometri dal mare. Gli ettari vitati sono circa 9, e sono suddivisi fra tre poderi, Ca’ delle Vallade, Brazzano e Ruttars, all’interno dei quali si coltivano Friulano, Malvasia, Chardonnay, Sauvignon, Riesling renano e Cabernet Sauvignon. La vinificazione avviene per tutti i vini in fusti di legno francese, e mira a far risaltare le condizioni specifiche di ogni terroir, ecco perché si lavora separatamente ogni parcella. I vari spostamenti che il vino subisce vengono sempre effettuati per gravità, senza utilizzare attrezzature meccaniche e riducendo così eccessive manipolazioni.

La cantina Borgo del Tiglio è una realtà principalmente focalizzata sulla realizzazione di grandi vini bianchi, caratterizzati da finezza, complessità ed equilibrio. Etichette che rispecchiano il territorio da cui provengono, dove ogni uva viene coltivata nel pieno rispetto dell’equilibrio vegetativo. Bottiglie che nascono dalla mente creativa di Nicola, da cui emerge tutta la bellezza del Collio friulano, interpretata con uno stile particolare, unico e autentico.

Peso 1.50 kg
Regione

Friuli Venezia Giulia

Vitigno

Friulano, Riesling, Sauvignon Blanc

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Collio Malvasia “Italo & Bruno” 2019 – Borgo del Tiglio”