Puligny-Montrachet Blanc AOC 2018 – Domaine Michelot

Annata: 2018

Denominazione: Puligny-Montrachet AOC

Vitigni: Chardonnay 100%

Alcol: 13% Formato: 0.75l

Temperatura di servizio: 10/12 °C

Bernardi Rate: 9/10

Tipologia: Bianco Borgogna, Bianco Francia

Abbinamento: Formaggi a pasta molle, Crostacei, Carne bianca

Peculiarità: Puligny-Montrachet Blanc del Domaine Michelot è ottenuto con uve di chardonnay raccolte in due differenti parcelle vitate, uno si trova sotto il Puligny-Montrachet 1er Cru Perrières con terreno argilloso-calcareo su un sottosuolo ghiaioso, il secondo si trova sotto il Puligny-Montrachet 1er Cru Les Clavoillons su un terreno più argilloso del precedente; il blend della vendemmia ci permette di ottenere un vino dalla mineralità molto caratteristica della denominazione Puligny-Montrachet. Esposizione Sud-Sud-Est ad un’altitudine compresa tra 200 e 225 metri, le viti  impiantate in anni ’70.

72.00

2 disponibili

Add to wishlist

NOTA DI DEGUSTAZIONE

Colore giallo paglierino. I sentori olfattivi sono floreali e fruttati e ricordano i fiori bianchi e le pesche, sempre a polpa bianca. Arrivano al naso anche decisi sentori minerali, che si riscontrano anche in degustazione, dove è evidente una gradevole piccantezza.

ABBINAMENTO

Si può abbinare a formaggi a pasta molle, crostacei o carne bianca. Da provare con le linguine agli scampi.

MAISON

Il Domaine è di proprietà della famiglia Michelot da sei generazione e attualmente ha un patrimonio di 19 ettari vitari, situati prevalentemente nel comune di Meursault con un’età media della vigna di 45 anni. La gamma comprende quattro Premier cru, fra cui l’importantissimo Perrières – che per molti è il Grand cru mancante a Meursault – sei parcelle diverse di Meursault village, un Puligny Montrachet e un rosso dal vicino villaggio di Santenay. La produzione annuale si aggira intorno alle 100.000 bottiglie.

Il Domaine è condotto con il massimo rispetto per la vigna, limitando al minimo gli interventi fitosanitari e dando preferenza a una coltura ragionata, basata su numerose lavorazioni del terreno. Parte dei vigneti è inerbita per creare un piccolo stress idrico, che costringe l’apparato radicale delle piante ad andare sempre più in profondità per cercare il nutrimento necessario e per estrarre al massimo il carattere di ogni singolo terroir.

Dopo la vendemmia, le uve bianche sono pigiate intere nelle presse pneumatiche. Successivamente viene effettuato un leggero débourbage per 6/12 ore prima della messa in fûts, dove partirà la fermentazione alcolica seguita dalla malolattica. L’affinamento avviene in fûts (in Borgogna non si parla mai di barrique) nuovi per il 15% circa. Il vino rimane in botte per 10/12 mesi e, dopo essere travasato, viene assemblato per 5/6 mesi per ottenere l’omogeneità di ogni cuvée.

Le uve rosse sono selezionate sia in vigna che in cantina e diraspate prima di essere messe a macerare a freddo per 4/8 giorni.
Alla fermentazione alcolica della durata di 10/12 giorni fanno seguito pressatura e débourbage di circa 72 ore. La fermentazione malolattica ha luogo nel corso dell’affinamento (fûts nuovi per il 20%) che dura circa 12 mesi, al termine del quale viene fatto l’assemblaggio per omogenizzare tutte le botti di ogni singola parcella.
Sia per i vini bianchi che per i rossi, se necessario, viene effettuato un collaggio prima della messa in bottiglia.

Peso 1 kg
Regioni Francia

Borgogna, Bourgogne

Vitigno

Chardonnay

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Puligny-Montrachet Blanc AOC 2018 – Domaine Michelot”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *